Biografia

Stefano Ciotti

Roma 1967. In giovane età si iscrive ad “Una strada per l’arte” in Piazza Sempione a Roma, definita come “factory” con lo scopo di sponsorizzare giovani artisti, dove lo Zio, Franco Ciotti, direttore ed artista tutt’ora attivo, gli impartisce lezioni di pittura e scultura, espone le sue opere per due volte nelle mostre collettive organizzate nei locali di Piazza Sempione a Roma. Lavora come illustratore dal 1997 al 2000 presso “Sette re di roma” dove disegna cartoline. Alla fine degli anni 80 viene notato da Bruno Bartolucci, un commerciante di dipinti del XVIII secolo , proprietario di una galleria d’arte di Roma in Via Margutta. Bruno Bartolucci affascinato dalla sensibilità artistica dell’allora giovane pittore sarà da stimolo per lo stesso e comprerà alcuni dipinti rappresentanti allegorie di pittori spagnoli, tele esposte e vendute nella stessa galleria. Già allievo del Maestro Mauro Martoriati, frequenta per un anno la scuola libera del nudo “Accademia d’arte R.U.F.A” di Alfio Mongelli, dove studia disegno artistico con il professore Fabrizio Dell’Arno. Per un lungo periodo dipinge l’eleganza e la forza del cavallo, poi L’esigenza di una nuova ricerca artistica sfocia negli ultimi dipinti, introspettivi, espressivi che raccontano esperienze di vita, traumi della nostra coscienza, la sua pittura figurativa, riesce a far convivere felicemente più linguaggi. Tre suoi dipinti sono stati esposti,  Fondazione “Igino Betti” di Via Paraguay, Roma. Per informazioni sulle opere rivolgersi a: Centro Studi Arte Contemporanea “I preferiti” di Carla Mazzoni, Roma, Via G. Monpiani 1/A (Zona Prati) cell. 347/3735109, Studio di Design dell’Architetto Vincenzo Leone, cell. 347/1160858, (Zona Cassia Olgiata). Attualmente, è collaboratore ed allievo del Maestro scultore Ernesto Lamagna, collabora con lui in diversi progetti tutt’ora in lavorazione. Ha Partecipato con il Maestro Lamagna alla realizzazione di diverse opere. Nel 2017 Aderisce al Manifesto per l’Arte dell’Associazione Culturale “In tempo”di cui fanno parte Maestri come Ennio Calabria ed Ernesto Lamagna, dove si iscrive. Negli ultimi anni espone nelle collettive organizzate dall’Associazione in una mostra tutt’ora itinerante che ha già fatto tappa a Milano, Roma, Varsavia ( Istituto di cultura italiano). Ultime mostre: “Festival Art di Spoleto 2018” in una collettiva a palazzetto Pianciani “Messaggi“, organizzata da Carla Mazzoni e Massimo Rossi, ed in una mostra a palazzo Santa Chiara a Roma, “Canto dell’essere”2018. Spoleto Festival dei due Mondi 2019 ” Ineludibile richiamo delle muse” Primo premio, Catel 2018 “con l’opera ” Il frutto della conoscenza”. Curatore della rassegna Lorenzo Zichichi, organizzatore Prof.Vittorio Sgarbi. Terzo premio, Concorso internazionale Museo del giocattolo 2018, con l’opera “Il giocoliere”, presidente della Giuria il Maestro Ennio Calabria, altri membri della autorevole giuria; Carla Mazzoni, Ida Mitrano, Francesco Zero.